1 mar. ’21

+ Dal Vangelo secondo Luca (6,36-38)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

“Essere misericordiosi come il Padre”: Parole che ci bruciano sulle labbra… che sembrano “condannarci” all’insuccesso e alla frustrazione. Ma non può essere questo l’intento di Gesù! Piuttosto, il Signore – come si dice – alza l’asticella, perché noi possiamo crescere, in un faticoso allenamento. La Misericordia si accompagni al non-giudizio, perché non spetta a noi giudicare (né, tantomeno, condannare)… solo Dio si riserva di giudicarci, e lo fa con Amore misericordioso, sul versante della Salvezza, del recupero, della guarigione, della prospettiva orientata al Bene, al Perdono, alla Redenzione.

Lascia un tuo commento

    accettazione privacy

    Nostri sussidi novità

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato

    Libreria ONLINE AdP

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato