11 mag. ’21

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (15,5-11)

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Ora vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: “Dove vai?”. Anzi, perché vi ho detto questo, la tristezza ha riempito il vostro cuore. Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi. E quando sarà venuto, dimostrerà la colpa del mondo riguardo al peccato, alla giustizia e al giudizio. Riguardo al peccato, perché non credono in me; riguardo alla giustizia, perché vado al Padre e non mi vedrete più; riguardo al giudizio, perché il principe di questo mondo è già condannato».

Tristezza dei discepoli e “gioia” del mondo… ma i conti si faranno alla fine! E come gli ultimi saranno i primi, così la tristezza dei Suoi si tramuterà in Gioia. Anche Gesù è stato triste fino ad un’angoscia mortale, ha attraversato fino in fondo il tunnel dell’assurdo, con noi e per noi… le cose potevano andare diversamente, ma la storia non si può cambiare. È solo Dio che, nel Suo Amore, può trasformare il male in Bene, vincere passando da apparente sconfitta. La Sua Logica non è la nostra, così come i tempi e le vie. Ci invita a fidarci di Lui, perché ci vuole felici!

Lascia un tuo commento

    accettazione privacy

    Nostri periodici

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato

    Libreria ONLINE AdP

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato