25 ago. ’21

+ Dal Vangelo secondo Matteo (23,27-32)

In quel tempo, Gesù parlò dicendo: «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che assomigliate a sepolcri imbiancati: all’esterno appaiono belli, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni marciume. Così anche voi: all’esterno apparite giusti davanti alla gente, ma dentro siete pieni di ipocrisia e di iniquità. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che costruite le tombe dei profeti e adornate i sepolcri dei giusti, e dite: “Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non saremmo stati loro complici nel versare il sangue dei profeti”. Così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli di chi uccise i profeti. Ebbene, voi colmate la misura dei vostri padri».

Ipocrisia di scribi e farisei. Persone false, che Gesù “smaschera”, denunciandone la pericolosità. In realtà erano (anche) persone che si impegnavano, pregavano, digiunavano… ma si erano creati un “sistema” auto-referenziale, un proprio concetto di giustizia, un’auto-stima non certo piccola, dunque illudendosi di essere a posto. Detto in una parola, erano credenti in Dio che non avevano più bisogno di Dio. Bastavano a se stessi. Somma mistificazione. Possiamo chiederci: ma ne erano consapevoli? Facilmente no. Chiusi nel loro mondo… non certo immersi nel mondo di Dio, nonostante le apparenze!

Lascia un tuo commento

    accettazione privacy

    Nostri periodici

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato

    Libreria ONLINE AdP

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato