3 dic. ’20

+ Dal Vangelo secondo Matteo (7,21.24-27)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

Colui che era venuto disse: Andate! Spargetevi in tutto il mondo, forti della Parola, della Buona Notizia! Francesco Saverio, prese sul serio, “sentì” impellente questo invito, come rivolto a sé. Lo visse intensamente, tanto da consumarsi, “spezzettando” i talenti ricevuti in tantissimi “piccoli” doni, distribuiti a migliaia e migliaia di persone lontane, che – grazie alla sua missione – divennero discepoli di Gesù. Non una Grazia magica: ma l’ineffabile connubio di azione divina e azione umana, in quel misterioso intreccio che solo Dio conosce fino in fondo. I santi ci sono donati per spronarci a collaborare con Lui.

Lascia un tuo commento

    accettazione privacy

    Nostri sussidi novità

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato

    Libreria ONLINE AdP

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato