Ti adoreranno, Signore tutti i popoli della terra

[vc_row_inner css=”%7B%22default%22%3A%7B%22padding-bottom%22%3A%2220px%22%7D%7D”][vc_column_inner][us_btn link=”url:http%3A%2F%2Fwww.testadp.cloud%2Fwp-content%2Fuploads%2F2018%2F02%2Fadorazione-febbraio-2018.pdf||target:%20_blank|” align=”center” icon=”far|file-pdf” style=”5″ label=”Scarica il pdf” custom_width=”200px” css=”%7B%22default%22%3A%7B%22font-size%22%3A%2216px%22%7D%7D”][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vc_row_inner css=”%7B%22default%22%3A%7B%22padding-bottom%22%3A%2220px%22%7D%7D”][vc_column_inner][us_image image=”6473″ align=”center”][/vc_column_inner][/vc_row_inner]

a cura delle Figlie della Chiesa (Santa Maria del Silenzio, Roma)

per l’adorazione eucaristica

La presentazione del Signore al Tempio chiude le celebrazioni natalizie e, con l’offerta della Vergine Madre e la profezia di Simeone, apre il cammino
verso la Pasqua.
Gesù incontra per la prima volta, qui, il suo popolo, quale Luce e Gloria di Israele. Di questa festività abbiamo la prima testimonianza nel secolo IV a Gerusalemme, detta Festa della Purificazione della SS.ma Vergine Maria. La riforma liturgica restituisce alla celebrazione il titolo originario di Presentazione del Signore. Restiamo uniti a Maria che offre la Luce vera, quella che illumina ogni uomo; cerchiamo quella Luce e lasciamoci illuminare nella nostra interiorità per poter essere noi stessi testimoni della Luce a quanti sono nel buio, a quanti hanno smarrito la strada, a quanti sono nella tristezza.

Dal vangelo di Giovanni (8,1214)
Di nuovo Gesù parlò loro: “Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita”. Gli dissero allora i farisei: “Tu dai testimonianza di te stesso; la tua testimonianza non è vera”. Gesù rispose: “Anche se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera, perché so da dove vengo e dove vado. Voi invece non sapete da dove vengo o dove vado”.

dal commento al Vangelo di Giovanni di S. Agostino, Omelia 34
L’affermazione del Signore: Io sono la luce del mondo (Gv 8, 12), ritengo sia chiara a quanti hanno occhi che con sentono loro di venire a contatto con questa luce; chi invece possiede soltan to gli occhi della carne, rimane sorpreso di fronte all’affermazione del Signore Gesù Cristo: Io sono la luce del mondo. Egli è la luce che ha creato quella che vediamo. Amiamola, questa luce, ane liamo alla sua comprensione, siamone assetati, affinché, sotto la sua guida, pos siamo finalmente pervenire ad essa e vivere in essa, così da non morire mai più. Abbiamo sentito l’affermazione del Signore: Io sono la luce del mondo. Don de la preoccupazione che qualcuno, guidato dalla sapienza carnale, identi ficasse questa luce con il sole: siamo giunti poi al salmo, con la guida del quale abbiamo trovato nel Signore la fonte piena della vita. Dunque, bevi e vivi. Presso di te è la fonte della vita e perciò i figli degli uomini spereranno all’ombra delle tue ali desiderosi di ine briarsi a questa fonte. Ma noi si parlava della luce. Ebbene, prosegui la lettura del salmo, che dopo aver detto: Presso di te è la fonte della vita, aggiunge: E nella tua luce vedremo la luce (Sal 35, 10): Dio da Dio, luce da luce. Per mezzo di questa luce è stata creata la luce del sole; e la luce che ha creato il sole, sotto il quale ha creato anche noi, è diventato luce per noi sotto il sole. Sì, è diventato luce per noi sotto il sole colui che ha creato il sole. Non disprezzare la nube della carne: essa copre la luce, non per oscurarla ma per temperarne lo splen dore. Parlando, dunque, attraverso la nube della carne, la luce che non co nosce tramonto, la luce della sapienza, dice agli uomini: Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nella tenebra, ma avrà la luce della vi ta (Gv 8, 12). In che modo ti ha distolto dagli occhi della carne per richiamarti agli occhi del cuore? Non si è accon tentato di dire: Chi segue me, non cam minerà nella tenebra, ma avrà la luce, ma ha aggiunto della vita, in linea col salmo che dice: Presso di te è la fonte della vi ta. In Dio luce e fonte sono la medesima cosa: colui che ti illumina perché tu ve da, egli stesso è la fonte cui puoi disse tarti.

silenzio

Canone di Taizé
Questa notte non è più notte davanti a te,
il buio come luce risplende.

Preghiera di San Bernardo
Gesù, dolce memoria, dà vera gioia al cuore;
la sua dolce presenza supera ogni umana dolcezza.

Non si canta nome più soave, non si ascolta nome più gioioso, non si medita nome più dolce di quello di Gesù, Figlio di Dio.
Gesù, sei speranza per chi si pente! Sei amore per chi ti cerca!
Sei bontà per chi ti desidera!
Che cosa, dunque, per chi ti trova? Né lingua può dire,
né scritto può esprimere;
può crederlo solo chi ha provato che cosa sia amare Gesù.
Gesù, sii nostro gaudio,
tu che sarai un giorno premio.
Sii tu la nostra gloria, sempre,
per tutti i secoli.
Quando visiti il nostro cuore, allora la verità lo illumina;
l’amore si fa più fervido,
si affievolisce la vanità del mondo.
Gesù, dolcezza dei cuori,
fonte viva, lume delle menti,
più grande di ogni gioia,
più grande di ogni desiderio.
La nostra voce risuoni di te,
Gesù, le nostre opere esprimano te,
i nostri cuori ti amino,
ora e per sempre.
Chi ti gusta, non è ancor sazio,
chi ti beve, ha sete ancora:
nulla, eccetto te,
desidera chi trova pace nel tuo amore.
O mio dolcissimo Gesù,
speranza dell’anima che sospira;
le pie lacrime e la mente agitata cercano te. Resta con noi, Signore,
illuminaci con la tua luce; fugate le tenebre della notte, colma la mente di dolcezza.
O Gesù, fiore della Vergine Madre, a te la lode, la gloria del nome,
il regno della beatitudine. Amen.

Interiorizzare
Gesù si presenta come “luce del mondo”, cioè come Colui che sa e che può illuminare il cammino della vita degli uomini.
Gesù sa e può illuminare la nostra vita, perché Egli è la Verità, cioè la manifestazione e comunicazione del disegno di amore del Padre.
Gesù Verità è l’amore di Dio che si dona senza nessun limite e senza nessuna condizione.
Per avere la luce della vita, per non camminare nelle tenebre, dobbiamo seguire Gesù, dobbiamo stare dietro a lui, ascoltando la sua Parola, imitando il suo esempio, nutrendoci del suo Corpo.
• Dove cerco luce e risposte per la mia vita?
• Contemplando Gesù nell’Eucaristia credo che in lui posso conoscere la verità su di me e su ciò che mi circonda?
• Quali sono gli eventi in cui ho sperimentato che Gesù è luce per la mia vita?

silenzio
Gesù, tu sei la luce
della nostra coscienza.
Illumina le scelte quotidiane in famiglia, al lavoro, a scuola,
perché diveniamo capaci di riconoscere e compiere il bene.

Gesù, tu sei la luce
che fa conoscere la verità. Illumina le persone
divise da incomprensioni, rancori e discordie.
Gesù, tu sei la luce
che ridona speranza
nella sofferenza e nella tristezza. Illumina gli anziani, gli ammalati, le persone provate dal dolore.
Gesù, tu sei la luce
che guida i nostri passi. Illumina il cammino dei giovani, di tutti coloro che ti cercano
e desiderano incontrarti.

Canone di Taizé
Cristo Gesù, o Luce interiore, non lasciare che il buio parli in me.
Cristo Gesù, o Luce interiore,
fa’ ch’io accolga il tuo amor.

Preghiera di Charles de Foucauld
Sacro Cuore di Gesù,
grazie del dono eterno
della santa Eucaristia:
grazie di essere sempre con noi, sempre davanti ai nostri occhi, ogni giorno in noi.
Grazie di donarti, di offrirti,
di abbandonarti tutto intero a noi,
di essere fino a questo punto
nostro Sposo!
Mio Dio, vieni in me: ti amo, ti adoro, mi dono a te, per essere
e fare tutto ciò che ti piacerà.
Che non sia più io a vivere,
ma tu che vivi in me.

Padre nostro
Tantum Ergo
benedizione eucaristica acclamazioni
Dio sia benedetto.
Benedetto il suo santo nome. Benedetto Gesù Cristo,
vero Dio e vero uomo.
Benedetto il nome di Gesù. Benedetto il suo sacratissimo Cuore. Benedetto il suo preziosissimo Sangue. Benedetto Gesù nel santissimo Sacramento dell’altare.
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito. Benedetta la gran Madre di Dio,
Maria santissima.
Benedetta la sua santa e
immacolata concezione.
Benedetta la sua gloriosa assunzione. Benedetto il nome di Maria,
vergine e madre.
Benedetto San Giuseppe,
suo castissimo sposo.
Benedetto Dio nei suoi angeli
e nei suoi santi.

canto di reposizione

Lascia un tuo commento

    accettazione privacy

    Nostri periodici

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato

    Libreria ONLINE AdP

    Per la preghiera, per la formazione spirituale e per l’Apostolato